Avviso sui Cookie - Per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso dei cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.

MENU
 Home   Blog   Libro ospiti   Immagini   Ricette   Download   Cartoline Virtuali   Admin 
Blog - VIVIMUS :: Motivazionali

Il discorso più bello che si possa pronunciare al Mondo


Autore : Vivimus
Categoria : Motivazionali
Giovedì, 2 Ottobre 2014 - 10:56

 

"Perché un pensiero cambi il mondo, bisogna che cambi prima la vita di colui che lo esprime. Che si cambi in esempio".
Albert Camus

Segnalo con immenso piacere e gratitudine un altro monologo che ha fatto la storia del cinema, denso di significato, un grido di speranza, parole sentite che arrivano direttamente al cuore e si spera possano scuotere le coscienze degli individui, far aprire loro gli occhi e guardare il mondo e al futuro in maniera più aperta e libera.

Il monologo è nella parte finale del film Il grande dittatore di Charlie Chaplin…e mette i brividi!

Un discorso da leggere con attenzione, parola per parole, frase per frase e anche da ascoltare nell’interpretazione del grande Chaplin.

 

Monologo

«Mi dispiace, ma io non voglio fare l’imperatore. Non è il mio mestiere. Non voglio governare né comandare nessuno. Vorrei aiutare tutti se possibile: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi esseri umani dovremmo aiutarci sempre, dovremmo godere della felicità del prossimo. Non odiarci e disprezzarci l’un l’altro. In questo mondo c’è posto per tutti. La natura è ricca e sufficiente per tutti noi. La vita può essere felice e magnifica, ma noi l’abbiamo dimenticato.

L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell’odio, condotti a passo d’oca verso le cose più abiette. Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà, la scienza ci ha trasformati in cinici, l’abilità ci ha resi duri e cattivi. Pensiamo troppo e sentiamo poco. Più che macchinari ci serve umanità, più che abilità ci serve bontà e gentilezza. Senza queste qualità la vita è violenta e tutto è perduto.

L’aviazione e la radio hanno avvicinato la gente, la natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà dell’uomo, reclama la fratellanza universale. L’unione dell’umanità. Persino ora la mia voce raggiunge milioni di persone nel mondo. Milioni di uomini, donne, bambini disperati, vittime di un sistema che impone agli uomini di segregare, umiliare e torturare gente innocente. A coloro che ci odiano io dico: non disperate! L’avidità che ci comanda è soltanto un male passeggero, come la pochezza di uomini che temono le meraviglie del progresso umano. L’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori. Il potere che hanno tolto al popolo, al popolo tornerà. E qualsiasi mezzo usino, la libertà non può essere soppressa.

Soldati! Non cedete a dei bruti, uomini che vi disprezzano e vi sfruttano, che vi limitano, uomini che vi dicono cosa dire, cosa fare, cosa pensare e come vivere! Che vi irregimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie! Voi vi consegnate a questa gente senza un’anima! Uomini macchina con macchine al posto del cervello e del cuore. Ma voi non siete macchine! Voi non siete bestie! Siete uomini! Voi portate l’amore dell’umanità nel cuore. Voi non odiate coloro che odiano sono solo quelli che non hanno l’amore altrui. Soldati, non difendete la schiavitù, ma la libertà! Ricordate che nel Vangelo di Luca è scritto: «Il Regno di Dio è nel cuore dell’Uomo».

Non di un solo uomo, ma nel cuore di tutti gli uomini. Voi, il popolo, avete la forza di creare le macchine, il progresso e la felicità. Voi, il popolo, avete la forza di fare si che la vita sia bella e libera, di fare questa vita una splendida avventura. Soldati, in nome della democrazia, uniamo queste forze.

Uniamoci tutti! Combattiamo tutti per un mondo nuovo, che dia a tutti un lavoro, ai giovani la speranza, ai vecchi la serenità ed alle donne la sicurezza. Promettendovi queste cose degli uomini sono andati al potere. Mentivano! Non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno. E non ne daranno conto a nessuno. Forse i dittatori sono liberi perché rendono schiavo il popolo. Combattiamo per mantenere quelle promesse. Per abbattere i confini e le barriere. Combattiamo per eliminare l’avidità e l’odio. Un mondo ragionevole in cui la scienza ed il progresso diano a tutti gli uomini il benessere. Soldati! Nel nome della democrazia siate tutti uniti!»

Per lasciare un commento è necessaria la registrazione al sito Login


  Stampa
Share
 

Login
Login:
Password:

Iscriviti
Richiesta password
Citazioni
Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno.

Hermann Hesse
Cerca nel sito
Cerca Ricetta


Mini Chat
Loading...
[ iscriviti ]

Statistiche
Pagine viste: 571786
Visite al sito: 189376
Visite odierne: 50
Record online: 17
Menu sito
  • NewGems
  • NewRubik
  • Puzzle
  • Edit-Foto
  • Sudoku
  • Editor Immagini
  • Color Pick
  • Polaroid
  • GestioneFile
  • MyUpload
  • Prima pagina
  • YoutubeVideoDownload
  • Calcola Codice Fiscale
  • Solitario
  • Memory
  • Lavagna
  • Forza4
  • 27numeri
  • Torre di Hanoi
  • Risolvi con i Calcoli
  • Game 2048
  • La ruota della Fortuna
  • Gioco di carte - Vuno
  • Chmod Traduttore
  • Youtube MP3 Downloader
  • Crea Thumbnail
  • Comprimi immagine
  • Riduci immagine
  • Ricette
  • Voli in tempo reale
  • Calcio Show
  • Youtube Embed Code Generator
  • Responsive Multi Code
  • Extplorer
New-CMS 2.9.8 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License
This page was created in 0.0661 seconds
Contenuto del div.