Avviso sui Cookie - Per rendere disponibili alcune funzionalità ed assicurare ai visitatori una esperienza di navigazione ottimale, questo sito fa uso dei cookie. Leggi la nostra informativa sui Cookie prima di proseguire la navigazione. Proseguendo la navigazione su questo sito gli utenti acconsentono al ricorso di cookie e tecnologie simili online da parte nostra.

MENU
 Home   Blog   Libro ospiti   Immagini   Ricette   Download   Cartoline Virtuali   Admin 
Blog - VIVIMUS :: Social

Social network danneggiano la società moderna?


Autore : Vivimus
Categoria : Social
Mercoledì, 26 Novembre 2014 - 17:13

 

"Twitter? Mai usato. Non lo uso, non uso Facebook, non uso nulla,
sono strumenti per persone frustrate che invece di incontrarsi

e parlarsi si mandano i messaggini".
Massimo Cacciari

Facebook, twitter, google+, pinterest, instagram, youtube. Tanti sono i social network ma quello che crea più dipendenza in italia e quasi sicuramente facebook.

Si, dipendenza! Esiste la dipendenza dall’alcool, fumo, droghe e a queste si aggiunge anche quella per i social network, che colpisce un grossa percentuale della popolazione, soprattutto quella giovanile.

In passato per dare appuntamenti: “ti mando un sms/ti chiamo”, “ci vediamo stasera in piazzetta, ti faccio uno squillo appena arrivata”, “ci becchiamo su MSN”.

Oggi: “ci sentiamo su whatsapp”, “aggiungimi su facebook e mandami un MP”. Ormai la parola “facebook” ovunque ti trovi la senti almeno una volta al giorno.

Non si riesce a stare senza, soprattutto da quando esiste l’app per cellulare che funziona decentemente. Wi-fi nei locali o con la rete 3G grazie ai tanti abbonamenti di pochi euro al mese.

Il nostro amato dispositivo mobile ormai è diventato un oggetto di prima necessità, quasi quanto l’aria che respiriamo. Sto esagerando? Punti di vista. Ieri ho letto un articolo su qual è la cosa più sporca del denaro e water: il cellulare! In pratica è l’oggetto che usiamo di più.

E’ triste vedere ragazzini di 13-14 anni sempre con lo smartphone in mano. Invece di parlare tra loro (nella realtà) si isolano con un display. Il contatto umano sta diventando una rarità. Ormai mi domando: abbiamo più il coraggio di dire “ti voglio bene” all’altra persona guardandola negli occhi? Fare il filo a una ragazza come si faceva una volta con i fiori, poesie, creatività/pazzie?

Il primo pensiero della mattina è: chissà a quanti MP devo rispondere, quanti like hanno ricevuto i miei selfie di ieri, cosa dicono i miei amici.

Video

Ma è proprio necessario condividere TUTTO quello che facciamo, proviamo o pensiamo con la nostra rete di amici? E’ diventato un bisogno primario sapere cosa pensano gli altri di noi? E’ davvero così importante fotografare e condividere la foto di un piatto prima di consumarlo? 

 

Fonte: www.fusionlab09.com

Per lasciare un commento è necessaria la registrazione al sito: Login


  Stampa
Share
 

Login
Login:
Password:

Iscriviti
Richiesta password
Citazioni
Amiamo la franchezza di quelli che ci amano. La franchezza degli altri la chiamiamo insolenza.

André Maurois
Cerca nel sito
Cerca Ricetta


Mini Chat
Loading...
[ iscriviti ]

Statistiche
Pagine viste: 571843
Visite al sito: 189376
Visite odierne: 50
Record online: 17
Menu sito
  • NewGems
  • NewRubik
  • Puzzle
  • Edit-Foto
  • Sudoku
  • Editor Immagini
  • Color Pick
  • Polaroid
  • GestioneFile
  • MyUpload
  • Prima pagina
  • YoutubeVideoDownload
  • Calcola Codice Fiscale
  • Solitario
  • Memory
  • Lavagna
  • Forza4
  • 27numeri
  • Torre di Hanoi
  • Risolvi con i Calcoli
  • Game 2048
  • La ruota della Fortuna
  • Gioco di carte - Vuno
  • Chmod Traduttore
  • Youtube MP3 Downloader
  • Crea Thumbnail
  • Comprimi immagine
  • Riduci immagine
  • Ricette
  • Voli in tempo reale
  • Calcio Show
  • Youtube Embed Code Generator
  • Responsive Multi Code
  • Extplorer
New-CMS 2.9.8 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License
This page was created in 0.0553 seconds
Contenuto del div.